«

»

Francesco Grande – Solo

“Dammi spazio, e ti regalo il mondo….”, l’elettronic pop romantico di Francesco Grande, con il suo nuovo progetto Solo è solo a tratti geniale, si veda ad esempio la chiusura di “Flash”o l’intro di “Dark”, alcune voci incrociate e polifoniche sparse in tutto il lavoro amplificano la cura ed il valore dell’intero breve lavoro, ma in definitiva manca un po’ di ironia che potrebbe semplificare qualche passaggio e renderlo meno mono-tematico. Infatti anche se come disce Battiato che “tutto l’universo obbedisce all’amore” le tematiche dell’abbandono sono prese troppo sul serio e sembrano essere l’unica base. Al di la delle ferite c’è la voglia di ricominciare, di non crollare di trovare un nuovo spazio, un nuovo tempo oltre la perdita di qualcuno o di qualche battaglia, perchè in fondo “qualche ferita può fare anche bene”.
Nonostante l’elettronica sia un po’ stra usata in questo periodo in Italia e questo sottolinea spesso la mancanza di idee che offusca anche con facilità il significato dei testi, questo progetto di Francesco Grande, ex chitarrista dei Gardenya, è tutt’altro che rivolto su questo piano fallimentare. Ci sono molte idee, molti spunti e ottime sonorità. Qualche testo forse è ancora troppo legato alla vecchia scuola, vedi “Limoni”, con l’attacco “Se fossi…, se fossi….” molto poetico certo, ma anche davvero troppo usato e sentito.  Minimale e riflessivo rimane comunque un interessante opera prima o demo se si vuole chiamare così, e se la musica è spesso intesa come musico terapia, per colmare il vuoto, per andare oltre, spesso serve proprio una cura e se non ancora rivolta agli altri, come in questo lavoro ci si può inizialmente anche solo concentrare su se stessi. In futuro, rendendo più oggettivo anche “Solo” lo stesso copione si potrà oltrepassarne facilmente i limiti amplificando di certo già l’alto valore musicale che ha questo gruppo e si potrà arrivare ad ascoltarne il suo massimo potenziale.
Antonello Furione
Contatti:
http://www.myspace.com/sologruppo

Permanent link to this article: http://therockblogreview.com/francesco-grande-solo/

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>