«

»

Feeder – Live Magazzini Generali (MI)

I Feeder, band gallese a metà tra ballate epiche e sonorità più muscolari, sono tornati grazie ad un quinto album, profondamente umorale e melodico, dal titolo Pushing The Senses. Per il leader del gruppo, Grant Nicholas grande è la voglia di andare avanti, dopo gli avvenimenti che portarono alla tragedia del suicidio del batterista e fondatore John Lee nel 2002, e “Pushing The Senses” è il successore di quel “Comfort In Sound” che nel 2003 riscosse un discreto successo, di cui fa parte il singolo “Just The Way I’m Feeling”, una emozionate ballata dedicata proprio al membro del gruppo appena scomparso. Il gruppo da allora è molto maturato, e cresciuto spiritualmente e artisticamente e sono tornati in Italia dal vivo dopo due anni di assenza, per un’unica data italiana del tour europeo della band inglese il 10.03.05 ai Magazzini Generali di Milano.

Con il 2005 ed il nuovo album, Prodotto da Gil Norton ( The Pixies, Foo Fighters ), la voce di Grant Nicholas diventa ora molto dolce, ora sofferta ma sempre piena di personalità, in grado di valorizzare delle canzoni delicate, sognanti ed intimiste. Composto con chitarra acustica e piano, l’album vede una miglior interpretazione vocale del cantante e il consolidamento del suono, oltre ad una maturità stilistica che crea via via sonorità meno spigolose più viscerali ed una maggiore attenzione alla melodia.
Efficace al punto giusto la batteria di Mark Richardson, nuovo acquisto ed ex Skunk Anansie al suo secondo disco con la band, ma che, paradossalmente, in questo lavoro entra ufficialmente nel gruppo. Il potente e roccioso batterista dal vivo, tra pezzi di bacchette che volavano in aria riesce ad essere il vero catalizzatore della band, e crea il giusto tappeto sonoro dove appoggiare atmosfere intense, complete e potenti. Si è abbandonata la rabbia più ruvida in favore di una notevole energica precisione, il tutto aiutato dal punto di vista scenico da immagini vagamente seventy che scorrono su di un piccolo schermo alle spalle del gruppo.
Il trio londinese nel concerto di Milano, si è presentato con un componente in più, tale Dean Tidey (chitarrista turnista nelle varie performance live) che non ha certo brillato per dare spettacolo, rimanendo molto in ombra anche sul carattere specifico musicale. Inoltre non ha convinto il numero di fans, in un luogo che conteneva 1000 persone, la band, sul loro sito ufficiale dice di aver venduto solo 200 biglietti.
Si potrebbe dire per pochi intimi, se non che anche dopo l’ overture del concerto con “Feeling A Moment”, brano molto interessante e di notevole immediatezza, il pubblico non si è scomposto più di tanto, rimanendo a tratti sonnacchioso, impassibile, come se non fosse molto coinvolto. “Pushes The Senses”, “Tumble And Fall”, “Come back around”, scorrono via veloci, ma uno dei momenti più intensi della serata è sicuramente la bellissima “Buck Rogers”, cantata quasi da tutto il pubblico presente. Nell’ultima tranche del concerto due ballate più tranquille, come “Pain on pain”, sofferta e intensa e come la dolce ed acustica “Dove Grey Sands”, hanno per un attimo calmato gli animi, per poi subito dopo riaccenderli in una vampata, con la stupenda “Just A Day”, acclamata a gran voce: conclusione energica di una serata pacata, e uggiosa.
Antonello FurioneLIVE SET LIST
01 – Feeling A Moment
02 – Comfort In Sound
03 – Pushing The Senses
04 – Tender
05 – Tumble And Fall
06 – Turn
07 – Frequency
08 – Bitter Glass
09 – Pilgrim Soul
10 – Come Back Around
11 – Descend
12 – We can’t rewind
13 – Just The Way I’m Feeling
14 – Buck Rogers

15 – Pain On Pain
16 – Dove Grey Sands
17 – High
18 – Just A Day

Permanent link to this article: http://therockblogreview.com/feeder-live-magazzini-generali-mi/

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>